HOME
CHI SIAMO
LA FONDATRICE
NEWS
CONSIGLIO GENERALE
GRUPPI ITALIANI
GRUPPI ESTERI
LINEE SPIRITUALI
FORMAZIONE
IN PREGHIERA
VERBALI ASSEMBLEE GENERALI
VERBALI CONSIGLIO GENERALE
RELAZIONI ALLA MADRE
MESSAGGI DELLA MADRE
VERBALI CONSIGLI FAMIGLIA
PHOTO GALLERY
VIDEO
PROGETTI DI CARITA'
BOOK
CONTATTI E SITI CONSIGLIATI
  

L’ASSOCIAZIONE DEI LAICI VERNIANI

Premessa

Già da anni gruppi di laici, spontaneamente costituiti, collaboravano con le Suore di Carità dell’Immacolata Concezione di Ivrea.

La storia ci dice che già gente comune ed autorità locali (il Sindaco di Rivarolo Maurizio Farina) aiutavano e cercavano di sostenere Antonia Maria Verna e le sue prime consorelle nella loro quotidiana opera.

E questo avveniva, gradualmente nel tempo, non solo in Italia ma anche all’estero, in tutte, o quasi, le nazioni e le missioni dove la Congregazione si andava diffondendo.

In Argentina, in varie città (Buenos Aires, S.Fè e Mendoza) queste comunità laiche si sono dedicate all’ apostolato attivo almeno dagli anni settanta.

Nel 1996 tutti questi gruppi, nazionali ed internazionali, hanno sentito l’esigenza di eleggere un loro organismo rappresentativo centrale, denominato “Segretariato dei Laici”, composto da rappresentanti delle varie regioni italiane ed estere (Piemonte,Lombardia, Emilia, Campania, Puglia in Italia, Argentina e Libano all’estero).

Questa istituzione si è riunita periodicamente a Roma, presso la casa generalizia delle Suore di Carità, con un impegno principalmente formativo e spirituale, cercando, tuttavia, di condividere e comunicare, reciprocamente, “l’anima e lo spirito dei propri territori”.

Grazie all’impegno profuso dalle suore stesse, è cresciuta, in questi anni, una forte consapevolezza che solo con una formazione spirituale adeguata, corroborata da una azione evangelizzatrice ed operativa “sul campo”, come la Fondatrice stessa ha insegnato, i laici avrebbero potuto condividere il carisma dell’Istituto religioso.

Un altro importante obiettivo, raggiunto del Segretariato, è stato lo studio e la messa a punto della bozza dello Statuto associativo: uno Statuto che sapesse unire i laici di così tante diverse nazionalità.

Nel 2002 lo Statuto è stato ulteriormente elaborato e portato a compimento da una commissione alla quale hanno partecipato alcuni membri del Segretariato, la Madre Vicaria della congregazione e, soprattutto, Mons. Velasio De Paolis, un grande esperto di Diritto Canonico (allora segretario del Tribunale della Segnatura Apostolica).

La bozza definitiva, che ha recepito i suggerimenti di tutti i gruppi verniani del mondo, è stata approvata il 3 gennaio 2003, a Roma, dal Segretariato stesso, previo consenso del Consiglio Generalizio delle suore, guidato da Madre Grazia Rossi.

La nascita dell’ Associazione

Il secondo grande passo è stata la convocazione della prima Assemblea Internazionale Generale dei laici verniani, nel mese di settembre dello stesso anno (19 – 21 sett.2003), nella quale è stato nominato l’organo direttivo (il Presidente, il Vice Presidente, tre Consiglieri, la Segretaria Generale ed il Tesoriere Centrale).

Compito del Consiglio, a norma di Statuto, era la definizione della struttura nazionale ed estera dell’Associazione, la formulazione di alcune regole gestionali e, soprattutto, l’individuazione delle linee spirituali formative da seguire nell’anno 2004.

Sono nate così, sempre a norma di Statuto, otto “Regioni”: quattro italiane (Piemonte, Lombardia/Svizzera/Emilia, Campania e Lazio, Puglia e Basilicata) e quattro estere (Argentina, Libano, Kenia, Tanzania).

Ogni “Regione” raggruppa più Gruppi Locali laici.

Il 18 maggio 2004, il Vaticano, in tempi dunque brevissimi, ha approvato lo Statuto dell'Associazione Laici Verniani e ha definito l’Associazione stessa “un’Opera propria dell’Istituto, e come tale deve essere riconosciuta da tutti”.

Il 4 aprile 2007 è nata la Verna Fraternitas ONLUS a Roma. Questa è una società non profit operativa per progetti di carità nelle missioni verniane estere, formata dalla Congregazione, dalle Mssionarie di Carità (altra associazione che trae origine dalle nostre suore) e dall'Associazione Laici Verniani.

Dal 26 al 30 dicembre 2007, si è tenuta a Roma la II a Assemblea Genarale dei Laici Verniani, con la nomina del nuovo organo amministrativo ed importanti modifiche allo Statuto.

Analogamente nel 2011 e nel 2015 si sono celebrate la III e IV Assemblea Generale.

Quella dell’ottobre 2011 è stata davvero una Assemblea “storica”, tenutasi proprio in Piemonte. Infatti il 2 ottobre dello stesso anno la Fondatrice dell’Opera, Antonia Maria Verna, è stata beatificata, con una solenne cerimonia, nel duomo di Ivrea.

Le Suore di Carità dell’Immacolata Concezione, il loro carisma
e il rapporto con i Laici Verniani.

Fin qui la struttura, necessaria per mettere ordine in una realtà decisamente complessa, multietnica e multiculturale. Tuttavia non si deve dimenticare che altri, e più profondi, sono gli intenti dell’Associazione.

I laici Verniani, con una specifica promessa, da recitarsi l’8 dicembre, e rinnovarsi ogni anno (festa dell’Immacolata) si impegnano a

  • rispettare le loro promesse battesimali
  • osservare lo Statuto
  • seguire il carisma della “Carità a gratis” lasciatoci in eredità dalla Fondatrice, Madre Antonia Maria Verna
  • assorbire la spiritualità delle Suore ed avere una particolare devozione per l’Immacolata
  • percorrere un cammino di crescita spirituale e umana, dando ampio rilievo ad esperienze formative
  • collaborare con la comunità delle SCIC “negli ospedali, nelle scuole, nelle parrocchie ed in terra di missione”.
  • Studiare, promuovere e realizzare “progetti di carità” per aiutare le missioni verniane nel mondo ma anche “il vicino della porta accanto”

La Fondatrice

Madre Antonia Maria Verna è l’ispiratrice prima della nostra Associazione e la Fondatrice della Congregazione delle Suore di Carità dell’Immacolata Concezione di Ivrea.

Oltre al carisma della Carità da elargirsi “ a gratis, massime ai poveri”, ha lasciato come preziosa eredità: il Tabernacolo, il Crocifisso, il Rosario.

Notizie più approfondite si troveranno in un apposito spazio a lei dedicato in questo sito.

L’Associazione oggi

Nei giorni dal 24 al 27 ottobre 2019 si terrà a Roma la V Assemblea Generale.

Ad essa parteciperanno, oltre ai rappresentanti italiani, la delegazione argentina, libanese, kenyota, tanzana e statunitense.

L’obiettivo che si prefigge sarà quello di una formazione congiunta, l’analisi del passato quadriennio, la stesura di un programma per il futuro e la nomina del nuovo Consiglio Generale.

Le Regioni verniane italiane sono cinque: Piemonte, Lombardia-Emilia, Campania, Puglia e Calabria. Quelle estere sono quattro: Argentina, Libano, Kenya e Tanzania. Due altre sono in procinto di aggiungersi: Stati Uniti e Messico.

I Gruppi italiani sono 16 e quelli esteri 18, per un totale di 34 Gruppi locali, diffusi ovunque nel mondo vi siano le nostre suore.

I documenti messi a punto nel tempo dai Consigli Generali (e approvati dalle Assemblee) sono:

  • Lo Statuto
  • La promessa di fedeltà
  • Le quattro regole dei Laici Verniani
  • Il Regolamento dell’Assemblea Generale
  • Il Regolamento delle Assemblee regionali
  • Le funzioni dei Presidenti regionali e dei Capigruppo

 

Scopo dell’ Associazione

E’ ben riassunto nell’Art.1 dello Statuto:






“All’interno della Famiglia Verniana, che raccoglie nel nome di Madre Antonia Verna, tutti coloro che ad essa in qualsiasi modo si ispirano (Suore di Carità dell’Immacolata Concezione d’Ivrea, Missionarie di Carità, gruppi laicali, singoli fedeli), viene costituita con il nome di ASSOCIAZIONE LAICI VERNIANI, un’associazione privata di fedeli, che vogliono realizzare la loro vocazione cristiana nella partecipazione al carisma dell’Istituto delle Suore di Carità dell’Immacolata Concezione d’Ivrea, secondo la loro condizione laicale, e in comunione con le Suore dello stesso Istituto. I membri, in modo particolare, si propongono, sul modello di Madre Antonia Maria, di vivere la spiritualità del Mistero dell’Immacolata Concezione, nella gratitudine a Dio per il dono della vocazione cristiana, e di dare il proprio contributo all’impegno apostolico delle Suore nel servizio di carità e nell’evangelizzazione. “

Site Map